Skip to main content

Stefano

Tempo di lettura: 3 min.

Aziende Made in Italy, protagoniste di eventi internazionali

In questi mesi le aziende Made in Italy sono state protagoniste di eventi importanti, come il Vinitaly e il Salone Internazionale del Mobile di Milano. Queste due occasioni rappresentano, in termini di presenze, una crescente conferma di interesse per il settore produttivo del nostro Paese e di attenzione verso le novità presentate.

Il Salone del Mobile: un’edizione che ci ha sorpreso.

L’edizione di quest’anno del Salone ha contato più di 350 mila presenze: noi di Krea eravamo tra queste. Nei nostri interessi infatti spicca il design; non è un mistero che uno dei settori che amiamo di più (e di cui ci occupiamo attraverso i nostri servizi) sia proprio questo.

In questo tipo di eventi l’atmosfera che si respira è sempre piacevole, la dimostrazione di una passione, tutta italiana, per l’innovazione, la bellezza e la ricercatezza, tutti aspetti che meritano di essere raccontati con la dovuta cura. Sviluppare storytelling per aziende Made in Italy è ciò che facciamo nelle nostre giornate vissute in agenzia e ci stimola a provare nuove modalità di comunicazione.

Lo stand di Arper e Kartell

Tra gli stand che più abbiamo apprezzato c’è sicuramente quello di Arper. Per quest’azienda trevigiana la sostenibilità è uno dei valori cardine: la loro postazione in fiera ha omaggiato ed espresso proprio questo concetto.

L’utilizzo di piante, ad esempio, la cui base era lo spazio espositivo delle sedie Catifa (presentate qui in versione eco), accompagnate da un’illuminazione soffusa, ha creato in noi un grande impatto emotivo e ci ha fatto sentire in connessione con il brand.

“Arper propone, attraverso soluzioni e prodotti empatici e duraturi, una prospettiva del modo di vivere contemporaneo, che esprime bisogni di fluidità e versatilità.”

Anche lo stand di Kartell ha attirato la nostra attenzione. Azienda milanese nata nel 1949, ha voluto esprimere con il proprio stand la vicinanza allo stesso Salone e alla città che l’ha vista nascere, un “centro di CREATIVE INTELLIGENCE”, come lo stesso brand definisce quest’evento annuale.

Esposti in questo spazio abbiamo trovato pezzi di design rappresentativi dei luoghi più iconici della città, come lo stadio di San Siro, portato in fiera con “Luci a San Siro” di Ferruccio Laviani.  

VINITALY 2024: l’evoluzione del Prosecco nelle aziende Made in Italy

Nello stesso periodo in cui Milano si impegnava a ospitare il Salone del Mobile, Verona dava il meglio di sé con Vinitaly 2024.

A detta degli espositori presenti, quest’edizione è stata eletta come una delle migliori, per qualità e quantità di presenze, contandone quasi 97 mila. Il Prosecco rimane il vino più apprezzato, esportato e di tendenza anche all’interno dell’evento.

Come ogni anno, vengono qui presentate le ultime novità del settore e i diversi business vinicoli italiani hanno l’occasione di provare un’espansione a livello internazionale, soprattutto con quei prodotti che tengono conto del valore della sostenibilità, anche qui sempre più centrale e importante.

Questo settore, proprio come quello del design, rientra tra i nostri interessi e cerchiamo di raccontarlo al meglio attraverso le aziende dei nostri clienti.

Due eventi, un’unica missione

Questi due settori rappresentano per noi un’importante occasione in cui dare vita a storytelling emozionali, sviluppati sia offline sia online.

In un’era dominata dai social media, dove l’attenzione è una valuta preziosa e rara, pensiamo che il digital storytelling possa davvero fare la differenza ed essere un’opportunità interessante per le aziende contemporanee.

La narrazione digitale per le aziende made in Italy sta sempre più assumendo un ruolo centrale, perché permette di trasformare prodotti e servizi in esperienze, in storie capaci di coinvolgere emotivamente il pubblico.

In un contesto così saturo di informazioni, solo chi riesce a raccontare una storia autentica e avvincente può emergere e conquistare la fedeltà del consumatore.

Siete d’accordo con noi?

Condividi:

Condivi: